Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Si stanno per spegnere i riflettori su “Ambienti/Environments” al Pirelli Hangar Bicocca

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Moltissime volte tornando dal lavoro percorro Corso Monforte. Un pomeriggio ho così notato una placca commemorativa in marmo, all’altezza del civico 23, che ricorda lo studio di Lucio Fontana.                                                                                                                   

All’epoca mi occupavo ancora di export e logistica, l’arte ed i sogni li avevo chiusi in un cassetto. Soddisfatta per aver scoperto di abitare vicino a luoghi così “celebri” ho ripreso la mia marcia verso casa.                                                             

Non molto tempo dopo, durante una pausa pranzo (ben vengano le pause lavorative) girovagando per il centro mi sono imbattuta nella Chiesa di San Fedele.         

Entrando un gentilissimo volontario del Touring Club Italiano mi ha inviato a visitare anche l’attiguo Museo di San Fedele ed il suo itinerario che si snoda tra fede ed arte, dove mi sono imbattuta in…alcune ceramiche di Lucio Fontana.         

Insomma il legame tra questo artista e la città meneghina lo definirei quasi viscerale: quando meno te lo aspetti scopri nuovi tasselli della storia.                                    

Potrete dunque ben immaginare con che trepidante attesa ho aspettato che inaugurasse la mostra “Ambienti/Environments” al Pirelli Hangar Bicocca, che, dopo l’apertura del 21 Settembre 2017, non ha certo deluso le aspettative.                                                                                                                                                                                                   

Sono ormai gli ultimi giorni per visitarla, chiusura prevista questa Domenica, 25 Febbraio. 

 

Preceduta di molti mesi da articoli giornalistici dedicatigli da tutti i più importanti magazine di settore, l’esposizione d’arte ha riproposto due interventi ambientali e nove ambienti spaziali prodotti dall’artista dal 1949 fino al 1968, anno della sua scomparsa.   

 

Per la precisione il visitatore si imbatte in:

 

  • Struttura al neon per la IX Triennale di Milano, 1951 (il cielo blu Giotto è davvero un scoperta)
  • Ambiente spaziale a luce nera, 1948 – 1949 (prima opera ambientale realizzata da Lucio Fontana e presentata alla Galleria del Naviglio, a Milano)
  •  Ambiente spaziale “Utopie” nella XIII Triennale di Milano, 1964 (pavimento ondulato
  • Ambiente spaziale “Utopie” nella XIII Triennale di Milano, 1964 (64 A2) (linee ondulate)
  • Ambiente spaziale, 1966 (concepito per il Walker Art Center di Minneapolis
  •  Ambiente spaziale, 1967 (sagoma sottile)
  • Ambiente spaziale con neon, 1967 (tessuto rosa)
  • Ambiente spaziale a luce rossa, 1967  
  • Ambiente spaziale, 1967 (67 A1) (Palazzo Trinci, Foligno)
  • Ambiente spaziale in Documenta 4, Kassel 1968
  • Fonti di energia, soffitto al neon per “Italia 61”, Torino 1961

 

All’elencazione ho preferito aggiungere alcune parole chiave tra parentesi per connotare un minimo le diverse esperienze.                                                                       

Perché di esperienze si tratta, esperienze sensoriali che vive il visitatore.                                                                                   

Ancora una volta torna il rapporto tra la città di Milano e l’artista stesso, visto che molto interventi erano stati concepiti per manifestazioni tenutesi in città.                           

É il frutto di un vero e proprio lavoro di ricerca condotto dalla storica dell’arte Marina Pugliese, dalla restauratrice Barbara Ferriani, con l’ausilio del direttore artistico dell’Hangar Vicente Todolì basato non soltanto sui documenti d’archivio della Fondazione Lucio Fontana, ma anche su fotografie d’epoca e su tutti i documenti disponibili in fondi ed archivi privati e museali.                                                                                                                                                                                                           

La mostra si è rivelata come un’occasione unica per approfondire il tema della ricerca spaziale in Fontana.               

Gli ambienti erano infatti stati tutti smantellati e distrutti, fatta eccezione per quello presentato nel 1967 alla Galleria il Deposito a Genova e di proprietà del Musée d’art contemporain di Lione.                                                                                       

Al visitatore si presenta l’occasione di addentrarsi all’interno degli spazi ricostruiti in simil container in un clima da ammaraggio lunare, con il buio che la fa da padrone mentre ci si muove nel vecchio hangar.

 

 

 

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere. Lucio Fontana, “Ambiente spaziale a luce nera”, 1948 – 1949. Pirelli Hangar Bicocca, “Ambienti/Environments”.

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

 

 

Mediatori culturali si trovano di fianco ad ogni ambiente per fornire le dovute indicazioni.                                                     

Teatralità voluta o non voluta, che potrebbe far storcere il naso ai puristi, ma che sicuramente ha contribuito ad avvicinare ai temi dell’arte anche chi ne è poco avvezzo. L’allestimento mi è dunque piaciuto.

D’effetto la chiusura con il soffitto progettato per “Italia 61” a Torino: finalmente lo spazio acquista materialità liberandosi della sostanza intangibile che spesso lo caratterizza. Certamente si è rischiato l’effetto “escape room”, ma per la prima volta la ricerca spaziale dell’artista, il suo sperimentare tramite il neon, la luce di Wood e la pittura fluorescente è stata davvero indagata fino in fondo, nella sua completezza. 

 

 

 

 

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere. Lucio Fontana, “Ambiente spaziale”, 1967 (67 A2). Pirelli Hangar Bicocca, “Ambienti7Environments”.

 

 

 

Colpisce come Lucio Fontana avesse intuito l’importanza di questi mezzi nella creazione di opere d’arte, medium che diverranno cari a tanti artisti (basti pensare a Dan Flavin e Bruce Nauman).                                                                                   

La retrospettiva “Environments”  si è perciò dimostrata un tassello fondamentale per ricostruire la pratica artistica che ha portato Fontana alla fondazione dello Spazialismo nel 1947, prima ancora che inserisse, nel 1958 il suo gesto più emblematico: il taglio. Una passione quella per l’artista nato in Argentina che non è mai passata di moda stando a vedere anche le recenti quotazioni che hanno raggiunto le sue opere sul mercato.                                                                                     

Vale la pena ricordare che ad Art Basel 2017, una delle più importanti manifestazioni di settore, la famosa galleria Tornabuoni  Arte ha esposto quattro “Fine di Dio” corredandole da un’approfondita ricerca in merito effettuata tramite studi preparatori, lettere e foto che testimoniano la loro creazione, grazie ad Enrico Crispolti e Luca Massimo Barbero.

Mancano dunque solo i dati di affluenza del pubblico, che spero non deluderanno vista la gratuità dell’ingresso,  per sancire il successo totale dell’esposizione 😉

One comment on “Lucio Fontana e Milano: una relazione che non smette mai di sorprendere

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.