Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accogliere gli appassionati del vintage

Ancora quattro giorni per visitare Mercanteinfiera Primavera 2018 a Parma. Curiosità e novità vi attendono anche in questa edizione

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si sono accesi i riflettori su una delle manifestazioni più interessanti per gli appassionati di antiquariato e collezionismo: Mercanteinfiera Primavera a Parma. Dal 3 all’11 Marzo 2018 il polo fieristico della “Food Valley” ospita più di 1.000 espositori su una superficie di 40.000 metri quadri.

Dal 1982, anno della sua ideazione, l’evento ne ha fatta di strada.

Il numero dei partecipanti e dei visitatori è aumentando grazie anche alle moderne tecnologie.

Pratica non così comune tra le fiere del brocante italiane.       

Degno di menzione è infatti il sito internet user-friendly (www.mercanteinfiera.it) corredato di un blog (www.mercanteinfiera.it/blog/). Novità di quest’anno è il sito web per acquistare gli articoli online (www.atelier.mercanteinfiera.it).

 

Mercanteinfiera Primavera 2018: logo del sito web per acquisto online di alcuni degli oggetti esposti (www.ateliermercanteinfiera.it)

 

Un bello sforzo da parte del comitato promotore che punta a lanciare la manifestazione biennale nell’orbita degli appuntamenti importanti per i collezionisti che contano.             

Ricordiamo infatti che anche in Autunno (29 Settembre – 7 Ottobre 2018) il polo parmense torna ad ospitare gli antiquari nostrani ed esteri.                                                                                                                                                   Condizioni meteo permettendo: l’edizione primaverile 2018 è stata infatti messa alla prova dalla perturbazione “Burian”.  Il giorno dell’inaugurazione non si è così avuto il solito successo di pubblico.                                                                                 

Partenza dunque un po’ sottotono anche se, da sempre, è l’evento autunnale a riscuotere il maggior numero di consensi.                                                                                                                                                                                          Non mancano comunque eventi collaterali che coinvolgono la città e mirano a far pernottare i visitatori in loco. Si scoprono così i dintorni del parmense e le sue attrazioni culturali e gastronomiche. Presentando il biglietto della fiera si ottengono soggiorni scontati nelle strutture ricettive convenzionate oltre a sconti nei musei.                                                 

Se dunque non avete la possibilità di visitare Mercanteinfiera in questi ultimi giorni di apertura vi propongo questo piccolo tour assieme a me. Fidatevi: sono una frequentatrice abituale sia dell’edizione autunnale che di quella primaverile 🙂

 

 

Come sempre il padiglione d’entrata propone una mostra collaterale dedicata alle bellezze della Liguria.                Avete inteso bene: grazie ad una partnership tra enti museali e comitato organizzativo ad ogni edizione vengono pubblicizzate alcune attrazioni artistico culturali liguri.             

Questa volta la retrospettiva è dedicata alla storia del jeans. 

 

Mercanteinfiera Primavera 2018: mostra collaterale dedicata alla storia del jeans. Courtesy of Palazzo Reale di Genova e Museo della Seta di Como.

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Proseguendo nel percorso e superando gli stand delle prelibatezze culinarie e degli editori si entra nel vivo dell’esposizione.

Unica pecca da segnalare: rispetto alle precedenti edizioni lo spazio dedicato all’arte contemporanea, Art Parma Fair, non è più in un padiglione a sé stante.                                                                                               

É stato infatti relegato in una parte del settore 5 senza soluzione di continuità con il collezionismo/antiquariato.  Strategia per far affluire più pubblico?

Può darsi, ma tal soluzione tende a sminuire ancora di più la fiera d’arte.                                                  L’evento sembra non godere di buona salute con le sole 41 gallerie partecipanti, oltre a stand di associazioni, progetti ed editori. Inoltre è visitabile solo nei weekend (3/ Marzo e 10/11 Marzo).

É corretto ricordare che si tratta di una manifestazione non organizzata dall’ente Mercanteinfiera: un collaterale che avrebbe però diritto a godere di maggior rilievo.                                                                                                      Nonostante tali disguidi pratico organizzativi curiosando tra gli stand si notano alcune opere degne di menzione. Ho trovato molto interessanti i pezzi di Mimmo Iacopino presentati dalla bresciana Colossi Arte Contemporanea e lo stand della romana Costa Deniarte. Gli appassionati d’arte ricorderanno quest’ultima per l’impegno profuso nel 2017 per la realizzazione del II volume delle opere di Tano Festa.                                                                                        Da non dimenticare anche le allegre sculture in terracotta dipinta del giapponese Mizokami Kazumasa ed i pezzi da novanta esposti dalla bolognese Galleria d’Arte Cinquantasei, specializzata in arte del Novecento.

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Tornando al core di Mercanteinfiera, nel padiglione n.6,  l’atmosfera che si respira lungo i corridoi non tradisce le aspettative. Anche i visitatori più attenti e curiosi vengono ripagati. Antiquariato, modernariato, oggetti rari e vintage sono presentati in un tripudio di stand. Impossibile uscire dall’esposizione senza aver acquistato qualcosa.

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Mercanteinfiera Primavera 2018: particolare di uno stand dedicato soprattutto alla vendita di bastoni da passeggio ed affini.

 

Effettivamente gli abituè potrebbero notare che gli standisti sono sempre gli stessi in tutte le edizioni.

Tale considerazione non la trovo però una pecca organizzativa, bensì un piacevole modo per costruire una sorta di rapporto di fiducia che può arricchire il fruitore oltre che far guadagnare l’antiquario.                                                      Questa volta gli espositori di abbigliamento ed accessori vintage nella sezione modernariato sono meno. La qualità però ne ha giovato.                                                                                                                                                                          É degna di menzione la ricchezza ed il livello dell’artigianato etnico.                                                                                 

Lascia invece un po’ a desiderare il numero di espositori di orologi di secondo polso e gioielli: nell’edizione autunnale 2017 erano di più.           

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage 

                                                                                                                                                                                                         Tornando verso l’entrata si passa nell’ultimo padiglione espositivo, il numero 3, non prima però di aver effettuato un pit-stop nell’area food self-service dello spazio n.7. Un tempo qui c’era l’esposizione di arte contemporanea: adesso si trova esclusivamente l’area ristoro più grande.                                                                                                       La possibilità di assaggiare prelibatezze emiliane non manca nemmeno in altri punti della fiera: è un profluvio di fax-simil bistrot in cui fermarsi e riposarsi.                                                                                                                                  Il padiglione n.3 nelle passate edizioni ospitava in genere antiquari italiani e stranieri di livello elevato. Si poteva acquistare addirittura l’intero mobilio di stanze antiche perfettamente riprodotte. Anche questa volta si incontrano i nomi eccellenti del settore, ma  devo dire che la qualità generale è pari agli spazi precedenti. Da visitatrice mi sono mancate le affascinanti boiserie o gli stipiti delle porte che sembrava provenissero direttamente da abitazioni nobiliari della Francia settecentesca.                                   

Infine davvero utile è lo stand “l’Esperto risponde” in cui si possono fare domande a restauratori specializzati ed assistere al loro lavoro.

Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Nel complesso la manifestazione non ha tradito le aspettative.

Vi lascio dunque con una carrellata di immagini curiose riprese girovagando al Mercanteinfiera Primavera 2018.

 

 

Mercanteinfiera Primavera 2018: un espositore all’interno del padiglione n. 6 dedicato al tessile antico.

 

 

Mercanteinfiera Primavera 2018: “Non vedo, non sento, non parlo”. Curiosità all’interno del padiglione n.6.

 

 

Mercanteinfiera Primavera 2018: il ruggito del leone. Espositore all’interno del padiglione n.3

 

 

 

 

3 comments on “Mercanteinfiera Primavera 2018: Parma accoglie gli appassionati del vintage

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.