Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

Outsiders. Storie di artisti geniali 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Autore: Alfredo Accatino
  • Data di pubblicazione: 2017
  • Giunti Editore
  • 208 pagine
  • Euro 29,00

 

 

Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Alfredo Accatino e lo stupendo lavoro di suo padre, l’artista romano Enrico Accatino, durante l’organizzazione della mostra “Intrecci del Novecento. Arazzi e tappeti di artisti e manifatture italiane“.

 

Questa però non sarà una recensione “di parte”.

 

Il volume edito dalla Giunti Editore merita davvero di essere letto: scorrevole, incisivo, ti incolla alle pagine fino alla fine.

Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

La facilità di lettura è data in primis dalla sua struttura: ogni capitolo racconta, con dovizia di dettagli ed aneddoti curiosi, la vita di 34 artisti “outsiders“.

Outsiders” ovvero al di fuori del mainstream delle gallerie più famose ed a volte dal mercato dell’arte e dalle sue quotazioni iperboliche. 

Vale però la pena conoscerli: eccezionali storie di vita oltre che di creazione al di fuori degli schemi.

Tra gli altri scopriamo così le vicende artistiche di Pavel Filonov e di Cagnaccio di San Pietro e mentre leggiamo ci rendiamo conto di quanto possa essere eterodiretto il nostro rapporto con l’arte, condizionato subdolamente da giochi di potere e denaro.  

Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

Ecco a voi la prefazione dell’autore:

 

Trentaquattro storie di uomini e donne che meritano un posto nell’arte del Novecento. Quel posto che la vita gli ha negato. Se ogni immagine è la storia di una storia, le storie che queste immagini raccontano – e le vite che ci stanno dietro – hanno a volte dell’incredibile, fanno scoprire che l’arte è un dono ingombrante, che una biografia artistica non necessariamente ha un lieto fine, che artisti mediocri hanno lasciato tante opere trascurabili e un capolavoro, oppure che alcuni creatori di capolavori sono stati trascurati perché nati nel posto sbagliato, o perché catalogati pazzi, omosessuali, antisociali, ebrei, o perché erano talmente poveri o malati da scomparire all’attenzione dei più.

Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

E queste storie da un’altra storia dell’arte, parallela e invisibile, ci insegnano a diffidare dalle categorie correnti – i maestri, gli epigoni, i minori… – e a scoprire, anche grazie alle illustrazioni, percorsi svolti con maestria e in abbondante anticipo sui tempi, a volte, o su binari che magari nessuno più avrebbe mai ripercorso. Piccoli racconti di vite difficili da ricostruire, per mancanza di fonti; schegge di creatività che lasciano sbalorditi; emozioni personali travasate in forme e colori che riescono qui a farsi finalmente condividere.

 

3 comments on “Outsiders. Storie di artisti geniali che non troverete nei manuali di storia dell’arte

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.