“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Monte Carlo Film Festival

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Dal 4 al 9 Marzo, nella splendida cornice del Principato di Monaco, si è tenuta la 16° edizione del Monte-Carlo Film Festival. Il genere cinematografico della commedia ne è uscito “vincente” 😉

 

 

Devo confessarvi che, ogni volta che attraverso il confine, il cuore batte a mille!

D’altra parte non mi chiamerei Art Nomade Milan se non avessi un’innata passione per il paese d’oltralpe 😉

Così, ottenuto l’accredito per il Monte-Carlo Film Festival, non ho indugiato: sono volata in Costa Azzurra.

 

 

Monte Carlo Film Festival

Monte Carlo Film Festival

“Riso Amaro”: quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan. Frame tratto dal film “An Unexpected Love” del regista argentino Juan Vera. Protagonisti gli attori Ricardo Darin e Mercedes Mora’n.

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

 

 

Monte-Carlo Film Festival?!

Scommetto che pochi di voi sanno di cosa sto parlando.

Ideato 16 anni fa da Ezio Greggio, il MCFF è una rassegna interamente dedicata alla commedia.

Si svolge sotto l’alto patronato del Principe Alberto II di Monaco e dell’ambasciata italiana. La kermesse prevede alcuni giorni di proiezioni, oltre ad incontri ed approfondimenti con i big del panorama cinematografico.

Ovviamente, vista la location da sogno, non mancano i party ed il gran galà finale 😉 

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Dunque un festival dedicato alla commedia…quasi un unicum nel panorama culturale.

Ecco perché nel sottotitolo ho evidenziato che la commedia ne è uscita “vincente”. Infatti, si pensa spesso che tal genere sia artisticamente poco rilevante. Film adatti ad intrattenere e far ridere il pubblico per un’oretta e mezza circa. Invece anche io mi sono dovuta ricredere.

A suo tempo, quando ero una studentessa dello IULM, avevo seguito la “battaglia” dell’oggi magnifico rettore Gianni Canova per riabilitare i cosiddetti “cinepanettoni“. Concedetemi una punta d’orgoglio nel sottolinearvi che Canova è il primo docente di cinema a ricoprire la massima carica in un’università italiana 😉

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Del resto i film comici sono un must della produzione culturale del Bel paese.

Totò, Vittorio De SicaAlberto Sordi, Nino Manfredi, Lino Banfi, tanto per citare i primi grandi nomi che mi vengono in mente: sono molte le stelle del firmamento italiano che non hanno disdegnato il genere e che, anzi, hanno costruito su questo buona parte della loro carriera. 

Lino Banfi è anche diventato ambasciatore dell’Italia all’UNESCO…scusate se è poco, ma forse questa è un’altra storia 😉

Peraltro non si finisce sempre a “tarallucci e vino”: alcune pellicole hanno un significato profondo: risate “amare”, richiamando il titolo del famoso movie drammatico diretto da Giuseppe De Santis.

Sono arrivata a questa conclusione assistendo alla proiezione di “Tel Aviv on Fire” , del regista Sameh Zoabi.

 

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Monte Carlo Film Festival

Monte Carlo Film Festival

Riso Amaro…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan. Frame tratto “Tel Aviv on Fire” del regista Sameh Zoabi.

 

Monte Carlo Film Festival

 

Vincitore del Premio Orizzonti 2018 alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, categoria migliore attore grazie all’interpretazione di Kais Nashif, il film narra le vicissitudini di Salam

Il trentenne vive a Gerusalemme e lavora a Ramallah. Assunto dallo zio sul set di una celebre soap opera palestinese, “Tel Aviv on Fire”, ogni giorno, attraversa il checkpoint israeliano, sorvegliato dal comandante Assi. Poiché la moglie del militare è una grande fan della fiction, Assi obbliga Salam, fintosi sceneggiatore, a coinvolgerlo nella stesura della storia. Inizialmente Salam si avvantaggia della collaborazione, fin quando i finanziatori arabi della serie si rifiutano di sostenere un finale di puntata considerato filo israeliano.

La vicenda si risolverà nel migliore dei modi, come ci si aspetterebbe in una commedia. 

È significativo che Sameh Zoabi abbia scelto proprio questo genere cinematografico per narrare uno dei più dolorosi e lunghi conflitti contemporanei.

L’apparente leggerezza della commedia nasconde una profonda e dolorosa consapevolezza. 

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Tutte le pellicole in gara sono state scelte con cura, con l’obbiettivo di nobilitare questo genere cinematografico. Perseguendo tale scopo aFairmont, quartier generale del MCFF assieme al Grimaldi Forum, è andata in scena la Masterclass Comedy Talks

Carlo VerdonePaolo GenoveseSalvatore Esposito, assieme ai giurati del Festival ed al patron Ezio Greggio, hanno discusso sullo stato generale della commedia, genere amato dal pubblico ma considerato, a torto, “minore” dalla critica.

 

 

 

Monte Carlo Film Festival

Riso Amaro…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan. Uno scatto della Masterclass Comedy Talks, tenutasi Venerdì 8 Marzo presso il Fairmont.

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

 

 

Dunque, trascorsi i cinque giorni di proiezioni, chi sarà stato premiato in questa 16° edizione?!

Il presidente di giuria Emir Kusturica, affiancato da Sandra MiloMathilda May ed Edoardo Leo si sono così espressi: miglior film l’ungherese “Bad Poems” di Gabor Reisz, pellicola che narra il viaggio interiore del giovane Tamàs,  dopo la fine della sua lunga storia con Anna; miglior regista Nicole Palo per “Emma Peeters“, commedia che racconta la storia dell’aspirante suicida Emma, la cui esistenza cambierà dopo l’incontro con Alex Bodart, impresario di pompe funebri; miglior attore Ricardo Darin per “An Unexpected Love“, in cui interpreta Marcos separato da Ana dopo 25 anni di matrimonio; Rose Byrne miglior attrice per “Juliet, Naked“, storia basata sul romanzo di Nick Hornby che racconta la storia di Annie e Duncan, fan ossessivo della misteriosa rockstar Tucker Crowe. Il film si aggiudica anche il premio del pubblico, la cui giuria era presieduta da Remo Girone.

Il premio per la miglior sceneggiatura è andato proprio a “Tel Aviv on Fire“.

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

Fuori concorso e quindi fuori dal palmares, “Salvatrice“, pellicola di Giorgia Würth dedicata a Sandra Milo.

Musa di Federico Fellini, l’attrice ha incarnato nel migliore dei modi quella leggerezza, ben distante dalla superficialità, di cui la commedia è portatrice. 

Sicuramente il Monte-carlo Film Festival deve ancora “prendere il volo”: sono tanti gli step che l’attendono per consolidarsi ed acquisire importanza a livello nazionale ed internazionale.

Tuttavia la kermesse è più strutturata di quanto si pensi: nel complesso la mia esperienza è stata grandiosa!

Spero di poterla replicare il prossimo anno partecipando a tutta la settimana di manifestazioni.

Ovviamente voi, tramite il blog, verrete con me 😉

“Riso Amaro”…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan

PS: se ho stuzzicato la vostra curiosità, non perdetevi Giovedì 21 Marzo la Serata di Gala a conclusione del XVI MCFF. Andrà in onda in seconda serata su Canale Cinque.

 

 

Monte Carlo Film Festival

 

Monte Carlo Film Festival

Riso Amaro…Quando la commedia fa riflettere – Art Nomade Milan.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.