Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Si concluderà Lunedì 1 Aprile “Trascendenza”, la personale dell’artista abruzzese presso lo spazio del brand di elettrodomestici di alta gamma, in Corso Magenta 24.

 

 

 

 

 

Matericità, ecco il primo termine che mi sovviene visitando “Trascendenza“, la mostra di Alberto Di Fabio presso Gaggenau DesignElementi HUB.

Infatti, sulle tele, gli strati di acrilico sono da sei a dieci. Se ci si avvicina alle opere lo si nota subito. 

Alberto Di Fabio solitamente dipinge in orizzontale, ma le sue creazioni non sono pollockiane: le composizioni assomigliano a sinapsi cerebrali.

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Curata da Sabino Maria Frassa, “Trascendenza” inaugura il nuovo ciclo di collaborazioni tra il progetto no profit Cramum ed il brand tedesco.

Nel 2018 “On Reflection” aveva portato nello spazio milanese Francesca Piovesan, Franco Mazzucchelli, Ivan Barlafante e Maria Wasilewska.

Trascendenza”  è una mostra per certi versi sui generis: Di Fabio ha acconsentito all’esposizione di opere che provengono direttamente dalla sua collezione personale. Soggetti, colori e tecniche che si allontanano dalla sua consueta linea artistica, come ad esempio i due mosaici. Alberto si è dunque “messo in gioco”: operazione non facile per un’artista del suo calibro, inserito nella scuderia di una delle più importanti gallerie d’arte mondiali, quella di Larry Gagosian.

 

 

Alberto Di Fabio: uno "sciamano" al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Nella mostra al Gaggenau ecco quindi apparire sfumature calde, che si avvicinano ai colori della terra.

Basi d’oro contrapposte al blu cosmico, colore per antonomasia dell’artista.

Ma perché nel titolo ho definito Di Fabio “sciamano“?

Perché per lui l’arte è uno strumento di elevazione e l’oro delle opere esposte in Corso Magenta 24 è un’esplosione di luce.

 

 

 

Alberto Di Fabio: uno "sciamano" al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

 

I suoi quadri hanno una particolarità: un agglomerato al loro interno, simile ad un buco nero.

Una potentissima forza creatrice che dal buio porta alla luce, chiudendo una sorta di ciclo vitale. Non per nulla il percorso di visita di “Trascendenza” è strutturato in questa maniera.

La metafora del campo gravitazionale non ci conduce solo nello spazio celeste: il buco nero può anche essere interpretato come la mente di ciascuno di noi.

Il ragionamento umano opera per semplificazioni, per passaggi che ci permettono di conoscere, ma, al contempo, ci fanno perdere molte informazioni.

Ed è proprio qui che l’arte entra in gioco, consentendoci di ri-acquisire quanto perduto. 

Il riferimento alla materia oscura è comunque una costante dell’artista: indimenticabile la sua esposizione al CERN, il famoso European Organization for Nuclear Research di Ginevra.

Del resto i genitori di Di Fabio hanno una formazione artistico scientifica, impronta che gli è rimasta dopo gli studi all’Accademia di Belle Arti di Urbino e di Roma. 

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Scienza, ma anche trascendenza: una tensione all’ultraterreno che sconfina nella visione di una divinità cosmica, non cristiana. 

 

 

 

Alberto Di Fabio: uno "sciamano" al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

 

Alberto Di Fabio è un pittore, ma non disdegna la sperimentazione, come si può notare osservando il mosaico collocato al piano rialzato dello showroom. Un lavoro catartico, più volte rimaneggiato per dare tridimensionalità all’operato, per far uscire le tessere dalla superficie.

Il pezzo era conservato nel suo studio, mai esposto prima d’ora.

 

 

 

Alberto Di Fabio: uno "sciamano" al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

 

L’artista non lascia nulla al caso: bastano poche opere per comprendere la sua filosofia ed infatti il curatore Frassà non ha sovraccaricato lo spazio lineare di Gaggenau.

 

 

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno "sciamano" al Gaggenau DesignElementi HUB

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

 

Prossimamente Di Fabio sarà protagonista di numerose retrospettive estere, ma quella al Gaggenau è una tappa imperdibile. 

D’altronde è difficile avere la possibilità di esplorare il lato meno conosciuto di un artista già noto 😉

L’ingresso è gratuito e gli orari di apertura sono dal Lunedì al Venerdì, dalle 10.00 alle 19.00.

Alberto Di Fabio: uno “sciamano” al Gaggenau DesignElementi HUB

 

 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.