Chi sono

Chi sono?

 

 

 

 

 

Genovese di nascita, milanese d’adozione, appassionata d’arte fin da bambina grazie all’amore per la cultura trasmessomi dai miei genitori a fine anni Novanta quando era più di moda passare le Domeniche nei centri commerciali anziché visitare una mostra di pittura.                                                                                                                       

Dopo il liceo classico ho conseguito la laurea triennale in Comunicazione e Gestione nei Mercati dell’Arte e della Cultura all’Università IULM di Milano. Ho poi proseguito il percorso di studi approfondendo la parte di management perché la credenza comune era che “con l’arte non si mangia ” soprattutto in Italia.

 

La passione per l’arte non si è comunque mai sopita.

Chi sono

Con una laurea magistrale in Marketing, Consumi e Distribuzione Commerciale (ecco gli ipermercati che ritornano) ho iniziato a lavorare per aziende private medio grandi. Nel tempo libero ho approfondito la conoscenza delle quattro lingue straniere che attualmente parlo.                                                                                                               

Tuttavia lo si sa,  il “primo amore non si scorda mai ”: alla fine sono tornata ad occuparmi di ciò che realmente mi interessa, l’arte. Arte o meglio qualsiasi forma di espressione artistica e culturale con particolare attenzione all’arte tessile (Fiber Art) e all’arte contemporanea africana.                                                         

Ad oggi collaboro con una nota Galleria milanese ed un’interessantissima società londinese. Mi sono anche rimessa sui libri (nella vita non si finisce mai di studiare) grazie ai corsi dalla NABA, Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Frequento lezioni per consolidare le mie competenze in storia dell’arte ed in altre materie propedeutiche al settore.                                                                                                                                                                                     

Perché alla fine si inizia a vivere bene la propria vita quando si interiorizza di averne a disposizione una soltanto.