Posts Tagged “dior marrakech”

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Domenica 19 Maggio, al C.I.Q. di Cascina Casottello, Anne Grosfilley ha introdotto i partecipanti nel magico mondo del Wax

 

 

 

 

 

Che dire…Art Nomade Milan non poteva essere più contenta di così 😉

In un pomeriggio piovoso Cascina Casottello mi ha riscaldato il cuore: ecco a voi la dedica dell’autrice su un volume a cui tengo tantissimo.

 

 

 

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

 

 

 

Ma cosa sarà successo?!  Ve lo spiego subito 😉

Finalmente l’antropologa francese Anne Grosfilley ha tenuto a Milano una conferenza sul suo libro “Wax & co. Antologia dei tessuti stampati d’Africa“.

Anne è stata da poco interpellata perfino da Maria Grazia Chiuri, direttrice creativa della maison Dior

Il brand ha scelto di introdurre nella Cruise Collection 2020 capi prodotti in tessuto Wax. Così i designer dell’azienda ivoriana Uniwax SA hanno reinterpretato 42 fantasie iconiche Dior declinandole in puro stile afro.

La collezione è stata presentata ad inizio mese a Marrakech.

 

 

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. Dior Cruise Collection 2020

 

 

 

 

Dunque tessuto Wax (si legge “uax”)…ma cosa si intende con questo termine nello specifico?!

Si tratta di tele di cotone, stampate a cera con riserva, dai colori sgargianti e ricche di simboli.

Anne ha iniziato ad appassionarsi al tema da giovanissima e, prima del volume dell’Ippocampo, aveva già raccolto le sue ricerche in un precedente libro.

 

 

 

 

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. Esempi di fantasie Wax

 

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

 

Il tessuto Wax è diventato uno dei simboli del continente proprio perché la sua origine non è africana. È riuscito a mettere d’accordo i 54 stati di un territorio troppo spesso martoriato dai conflitti.

Il suo essere estraneo gli ha permesso di superare i dissidi ed innalzarsi a simbolo panafricano. Passaggio non riuscito a tessuti 100% made in Africa quali il kente ghanese o il bogolan del Mali, troppo sacralizzati dalle rispettive culture per essere adottati anche dagli altri.

Del resto il Wax è per antonomasia il tessuto dell’incontro: nato in Indonesia (pensiamo al tessuto batik), viene prodotto in Europa (Olanda od Inghilterra) ed utilizzato in Africa.

Furono proprio i mercanti olandesi che intuirono l’appeal che tal tipo di stoffa avrebbe avuto sui consumatori africani.

Così le fantasie acquisirono man mano significati differenti rispetto a quelli originari, diventando una vera e propria forma di comunicazione non verbale.

Emblematico è l’esempio del cosiddetto kwadusa: in Indonesia simboleggiava l’uccello sacro (probabilmente il pavone), mentre in alcuni stati africani è stato assimilato ad un casco di banane o ad una lumaca senza guscio. Molto spesso l’interpretazione dei simboli cambia nel tempo, arricchendosi di ulteriori significati.

In Ghana il kwadusa è simbolo dell’indipendenza del paese.

A volte alcuni modelli vengono ritirati dal mercato, per poi apparire dopo molti anni, seguendo delle vere e proprie strategie commerciali.

Ogni tanto nascono anche nuove rappresentazioni legate a fatti di cronaca, come la fantasia dedicata ad una borsetta utilizzata durante una visita di stato da Michelle Obama.

 

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

 

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. A sinistra fantasia cosiddetta “Michelle Obama’s Bag” (courtesy of Vlisco) e a destra fantasia definita “kwadusa”.

 

 

 

 

Così i temi dei batik asiatici vennero stilizzati, prodotti in Olanda e fatti arrivare in Ghana, dove la popolazione li considerò tessuti di lusso. Da lì si è avuta una diffusione a macchia d’olio.

 

Tanti significati…ma anche molti metodi per indossarli 😉

Sapevate che fino al 1930 le macchina da cucinare e le forbici non erano diffuse nel continente?

Ecco perché il Wax non veniva tagliato, ma indossato drappeggiato.

Ogni piega aveva un ben preciso significato, come quella sui fianchi che definiva una donna rispettabile e sposata.

Addirittura nel 1987 venne indetto in Costa d’Avorio il concorso “Forbici d’Oro” per svecchiare lo stile tradizionale. 

 

La storia del Wax è anche una storia di empowerment femminile.

In molti stati sono infatti le donne a commerciare nel tessile. Ognuna di loro può acquisire in esclusiva una fantasia e diventare l’unico intermediario tra la fabbrica di produzione e i singoli punti di smercio nei vari stati.

Il trionfo del Wax è stato così il trampolino di lancio verso l’indipendenza economica di molte di loro, come le famose Nana Benz del Togo.

 

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. Locandina del documentario del regista tedesco Thomas Bo:ltken, dedicato al fenomeno delle Nana Benz. 

 

 

 

Si dice che le commercianti tessili togolesi (Nana) abbiano assunto questo appellativo in quanto molto spesso si compravano, grazie ai proventi delle vendite, delle vetture Mercedes.

È interessante osservare come il Wax non sia ugualmente famoso in tutti gli stati africani: in Senegal, ad esempio, paese a maggioranza musulmana, non esistono equivalenti delle Nana Benz.

Dunque il Wax si conferma un importante strumento per studi sociali, di comunicazione ed antropologici.

Indossare una determinata fantasia significa trasmettere un messaggio ben preciso.

Le “unghie di Madame Thérèse“, ad esempio, sottolineano la forza caratteriale della donna.

 

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

 

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. Fantasia definita “unghie di Madame Thérèse.

 

 

 

 

Ma ormai, vista la sfrenata globalizzazione, parlare di Wax non significa trattare solo dei rapporti tra produttori europei e consumatori africani. Un altro intermediario, dal 2004, si è aggiunto alla catena: la Cina.

La repubblica popolare ha compreso quanto sia importante il mercato del continente già molto tempo fa.

Oggi il 95% del Wax in circolazione proviene proprio dalla fabbriche cinesi, che hanno addirittura creato un Wax sintetico.

Così, le seppur poche industrie africane hanno chiuso o ridotto la loro produzione solo ad alcuni passaggi. 

Cotone coltivato, filato, trasformato in tessuto e stampato esclusivamente in Africa è davvero una rarità.

La fabbrica togolese Togotex, ad esempio, si occupa solo di stampa su materiale proveniente dall’estero.

Anche molto aziende inglesi hanno chiuso, mentre il colosso olandese Vlisco ha incrementato i prezzi dei proprio prodotti ed ha creato un tessuto Wax ancora più lavorato e spesso: il Super Wax.

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

Ma quali sono i trucchi per riconoscere un Wax effettivamente stampato a cera con riserva?

 

Di certo non le scritte “100% original Wax” che compaiono anche sugli scampoli a basso prezzo.

Vi svelerò dunque ciò che Anne ci ha rilevato: un original Wax presenta leggere screpolature (craquelure), i disegni impressi non sono mai identici gli uni con gli altri e i modelli cinesi hanno colori molto più accesi.

Insomma, il “100% original Wax” è connaturato dalle “perfette imperfezioni” 😉

 

 

 

Un weekend...a tutto WAX - Art Nomade Milan

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan. Anne Grosfilley spiega come riconoscere un Wax autenticamente stampa a cera con riserva. Courtesy of “Lo Sguardo degli Altri” e “A different eye”.

 

Un weekend…a tutto WAX – Art Nomade Milan

 

Anche la stessa antropologa però precisa che l’importante è che il consumatore sia consapevole: esistono, infatti, dei progetti interessantissimi che utilizzano tessuti Wax “cinesi” per incrementare il benessere ed i proventi delle popolazione locali.

Quindi non tutto il Wax cinese vien per nuocere 😉

Il discorso sarebbe lunghissimo, di certo non si potrebbe esaurire in queste poche righe. Il mondo del tessile Wax mi ha rapita con la sua miriade di colori e significati…infatti sono in trepidante attesa del prossimo volume di Anne che dovrebbe uscire tra pochi giorni 😉

 

E voi, che ne dite?!

Sono riuscite ad incuriosirvi?!

Alla prossima avventura dunque 😀

 

 

 

 

Go Top